Domanda:
Regole generali per decidere la volatilità
ManishEarth
2012-05-02 20:56:31 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Dato un composto organico, c'è un modo per decidere se è volatile (o confrontare la volatilità - tutto è volatile alla fine)?

La volatilità è dovuta alla tendenza ad evaporare. La conclusione che posso trarre da ciò è che un composto più volatile sarà più leggero e / o avrà meno forze intermolecolari. Ma questo non sembra funzionare - ricordo che il metanolo è meno volatile dell'etanolo ([citazione necessaria]).

Quindi ci sono linee guida generali per questo o è è un'altra proprietà sperimentale?

Quattro risposte:
#1
+10
Janice DelMar
2012-05-03 02:45:53 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Questa risposta a questa domanda si applica alla tua query. Molte proprietà fisiche dipendono dalle forze intermolecolari sperimentate nel liquido o nel solido. Queste forze intermolecolari sono il legame idrogeno (più forte), le attrazioni dipolo-dipolo (nelle molecole polari) e le forze di dispersione di Londra (le forze più deboli quando si confrontano molecole della stessa dimensione, ma dipendenti dal numero di elettroni nella sostanza). Forze intermolecolari più forti renderebbero la sostanza meno volatile.

Come notato nella prima risposta, il metanolo è più volatile dell'etanolo. Il metanolo e l'etanolo avrebbero entrambi legami idrogeno (un tipo relativamente forte di attrazione dipolo-dipolo) e forze di dispersione di Londra. Poiché l'etanolo ha più elettroni (perché è una molecola più grande, ma non necessariamente perché è una molecola più pesante) avrebbe più forze di dispersione di Londra rispetto al metanolo, quindi, con forze intermolecolari più forti, sarebbe meno volatile. Quindi, questo esempio segue le linee guida generali: calcola le forze intermolecolari presenti nelle molecole che desideri confrontare e la molecola con le forze intermolecolari cumulative più deboli sarà la più volatile.

Legame intramolecolare (legami covalenti , quando si parla di molecole) non influisce sulle proprietà fisiche.

#2
+3
Ashu
2012-05-03 00:03:44 UTC
view on stackexchange narkive permalink

In chimica e fisica, la volatilità è la tendenza di una sostanza a vaporizzare. La volatilità è direttamente correlata alla pressione di vapore di una sostanza. A una data temperatura, una sostanza con una pressione di vapore più alta vaporizza più facilmente di una sostanza con una pressione di vapore inferiore. (Tratto da Wikipedia)

Ma questo non sembra funzionare, ricordo che il metanolo è meno volatile dell'etanolo
Penso che tu abbia sbagliato. Secondo la pagina di wikipedia di metanolo e etanolo, la tensione di vapore del metanolo> etanolo, quindi il metanolo è più volatile dell'etanolo

la volatilità può essere prevista anche su il tipo di legame intermolecolare e intra molecolare e, naturalmente, sulla pressione arteriosa del composto.

#3
+1
user23616
2015-12-08 01:41:08 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La volatilità dipende da quattro fattori per i composti organici:

1) Gli idrocarburi a catena ramificata sono più volatili degli idrocarburi a catena lineare

2) Più un idrocarburo è ramificato, più è volatile è

3) A seconda dei legami, cioè legame idrogeno, legame intermolecolare dipolo-dipolo e forze di van der Waals. La volatilità aumenta dal legame idrogeno alle forze di van der Waals. Pertanto composti come l'etanolo sarebbero meno volatili rispetto all'etano.

4) La volatilità diminuisce con l'aumento della massa molecolare relativa. Cioè, diminuisce una serie omologa. Ad esempio, il metano sarebbe più volatile dell'etano.

#4
  0
saba anwar
2015-04-04 22:07:15 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La volatilità è la tendenza di una sostanza a vaporizzare ed è direttamente correlata alla pressione di vaporizzazione di una sostanza (pressione esercitata dal vapore in equilibrio con il liquido ad una data temperatura) .Le sostanze più voletili hanno una bassa pressione arteriosa a causa dell'usura intermolecolare forze.



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...