Domanda:
Come identificare le reazioni di ordine zero?
Ashu
2012-05-05 22:30:35 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Mi sono imbattuto in molte reazioni che sono reazioni di ordine zero ma a prima vista non sono in grado di dire se sono di ordine zero o meno. Esistono criteri che possono essere utilizzati per identificare queste reazioni o sono determinati in modo puramente sperimentale?

Le reazioni di ordine zero implicano che la velocità di reazione è indipendente dalla concentrazione. Ciò accade solo se si prendono in considerazione le reazioni del gas in cui si utilizza un catalizzatore adsorbente al platino.
@PrittBalagopal Ho studiato che le reazioni di decomposizione del gas (ad esempio $ \ ce {NH3} $) su una superficie catalitica eterogenea non sono "vere" reazioni di ordine zero, ma sono reazioni di ordine pseudo-zero. Ci sono vere reazioni di ordine zero?
Tre risposte:
#1
+17
CHM
2012-05-05 22:42:33 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La determinazione della velocità della cinetica di una reazione non viene eseguita con una sola misurazione o guardando un solo grafico.

Ciò che significa cinetica di ordine zero, è che la velocità della reazione è indipendente dalla concentrazione di specie chimiche. Per determinare la cinetica di un processo, è necessario eseguire una serie di misurazioni alterando una variabile, ovvero la concentrazione di una delle specie chimiche in esame.

In ordine zero cinetica, dovresti osservare che quando modifichi la concentrazione del reagente, ad esempio, la velocità della reazione rimane costante.

Vale a dire, esplicitamente, che l'ordine per ogni componente nella miscela di reazione è determinato sperimentalmente.
Naturalmente, e se tutti sono 0, la reazione segue una cinetica di ordine zero. Colpa mia.
#2
+16
F'x
2012-05-07 01:12:36 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Alla tua domanda se le reazioni di ordine zero possono essere riconosciute "a colpo d'occhio" e da un criterio non sperimentale, la risposta è chiaramente no . L'unico modo teorico per stabilire con fermezza l'ordine di una reazione (se ne ha uno) è calcolare completamente la sua legge cinetica (o equazione di velocità ), cosa che può essere eseguita solo se si conosce lo schema del reazione, cioè l'elenco di tutte le reazioni elementari coinvolte.

C'è un caso in cui puoi prendere una scorciatoia, vale a dire se sai (o sospetti fortemente) che la reazione in questione è una reazione elementare, ad esempio, se non coinvolge catalizzatore, procede in un unico passaggio con un solo stato di transizione e nessun intermedio. In tal caso, l'ordine della reazione è determinato dalla stechiometria ($ \ ce {A –> X} $ è il primo ordine, $ \ ce {2 A -> X} $ o $ \ ce {A + B -> X} $ sono del secondo ordine). Tuttavia, questo non si applica nel tuo caso, perché le reazioni elementari non possono avere ordine zero !

Il mio dubbio era dovuto a $ \ ce {H2 + Cl2-> 2HCl} $ in presenza di luce. Questa è una reazione di ordine zero ma non è anche questa una rxn elementare bimolecolare ?? se lo è, allora non va secondo i tuoi ans
$ \ ce {H2 + Cl2 -> 2 HCl} $ procede (come molte reazioni fotochimiche) mediante un meccanismo complesso ... Vedi [qui] (http://www.physicsforums.com/showthread.php?t=211142) per un esempio fornito sul bromuro. Le reazioni fotochimiche di solito non sono reazioni elementari.
oh si ora ricordo che un fotone divide l'alogeno in due radicali liberi e quindi la reazione procede .... grazie
#3
-1
Uriah
2017-06-01 15:19:42 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ad essere onesti, potremmo usare solo dati scientifici per determinare l'ordine di una reazione, diciamo un esempio di una specie che determina la reazione. Puoi solo tracciare grafici per scoprire la forma della curva e quindi scoprire se è zero la reazione del primo o del secondo ordine Se lo desideri, è in un capitolo chiamato determinazione dell'ordine di reazione enter image description here



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...