Domanda:
QTPIE è mai stato applicato a metalli 1D come il poliacetilene?
Terry Bollinger
2012-05-12 22:21:28 UTC
view on stackexchange narkive permalink

QTPIE è un modello di carica fluttuante che migliora sostanzialmente la modellazione della polarizzazione e del trasferimento di carica. Ero curioso di sapere se è mai stato applicato a metalli 1D come il poliacetilene per fornire nuove prospettive su argomenti come condensazione di Peierls e solitoni di fase?

Non rispondendo alla tua domanda, ma correlata: tutto quello che ho trovato è [questo e-print] (http://arxiv.org/pdf/0812.1543.pdf) discutendo la validità di QTPIE per descrivere la molecola di acetilene.
Una risposta:
#1
+7
Jiahao Chen
2012-05-13 00:13:39 UTC
view on stackexchange narkive permalink

È lusinghiero che qualcuno abbia posto questa domanda;)

La risposta breve è sì, ho provato QTPIE su una serie di molecole coniugate come gli oligoacetileni e gli oligoaceni. I risultati, tuttavia, sono piuttosto pessimi, come si può vedere nel prestampa. Il problema è che in questi modelli di carica empirici, la polarizzabilità cresce più velocemente della dimensione della molecola, il che significa che questi modelli prevedono polarizzabilità infinite e comportamento di trasporto di carica per materiali sfusi, il che è ovviamente senza senso. il problema è abbastanza intimamente correlato a quello dell'errore di interazione con se stessi nelle teorie del funzionale della densità approssimativa, che presentano anche problemi simili.

Per il par. 2, vedere rif. 44 del prestampa di cui sopra. Per SIE in DFT, vedere rif. 11 ibid.
AcidFlask, grazie. Adulazione, forse, ma l'interesse è genuino: ho fatto un tuffo nel metal 1D molti anni fa e ne sono uscito per lo più non impressionato. Almeno due terzi degli articoli erano praticamente rozzi da pubblicare, senza reali implicazioni sperimentali, e preziose poche intuizioni su come modellare le catene oi solitoni in modo più accurato. Non ho mai potuto dire con certezza se qualcuno avesse prove di laboratorio significative delle cariche frazionarie nominali, che di solito erano nascoste dall'accoppiamento. La "scoperta di quasi quark" molto tempo fa di cariche 1/3 su grumi levitanti potrebbe essere stata correlata ... forse.
Dopo un po 'di revisione: un articolo veramente interessante, sia nella sua franca discussione dei problemi di fluttuazione che nella tua strategia di distinguere l'elettronegatività _bare_ e _effective_. Sarò curioso di vedere dove prendi queste idee mentre vai avanti con la tua ricerca.


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...