Domanda:
Che aspetto hanno i risultati tipici della spettrometria di massa al plasma accoppiato induttivamente (ICP-MS) e come li interpreto?
anon
2012-05-09 15:35:09 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Sono laureato in ingegneria chimica e ricordo di aver visto uno spettrometro di massa al plasma accoppiato induttivamente (ICP-MS) durante la parte di laboratorio di un corso di chimica che ho seguito all'università, ma sono passati molti anni. Ora vorrei sapere come appare un tipico output di un ICP-MS e come interpreto i risultati.

Non ci sono immagini nella pagina di wikipedia, ma con una ricerca su Google è possibile trovare alcuni grafici nel dominio della frequenza e ho capito la trasformata di Fourier e come viene utilizzata nella teoria dei numeri.

I risultati ICP-MS sono qualcosa come lo spettro della trasformata di Fourier di un segnale?

Una risposta:
#1
+11
PLD
2012-05-22 23:33:27 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Non sono un esperto in ICP-MS, ma un ICP-MS dovrebbe essere considerato una sorgente ionica ICP accoppiata a uno spettrometro di massa. Ci sono alcune questioni chiave sollevate dall'accoppiamento tra i due strumenti a causa dell'elevata temperatura della sorgente ICP nonché del fatto che si desidera analizzare gli ioni atomici e rimuovere eventuali ioni molecolari interferenti (principalmente ossidi, ma altre molecole e cluster sono possibili).

Pertanto, per tentare una risposta alla tua domanda, lo standard output di un ICP-MS sarà presentato come uno spettro di massa (intensità contro m / z o intensità contro amu). Ci sono un paio di spettri campione nelle brochure pubblicate dai costruttori di strumenti, vedere ad esempio la brochure Bruker o una nota applicativa Thermo. Il modo in cui questo spettro di massa viene ottenuto dal rivelatore porterà al tipo di dati acquisiti:

  • Per un filtro di massa quadrupolare, così come per strumenti a settore magnetico, sono possibili due modalità di funzionamento . Viene selezionata una singola massa, quindi si otterrà solo una traccia dell'abbondanza di una data massa in funzione del tempo (cromatografia o analisi del campione in linea). Altrimenti il ​​filtro di massa può essere scansionato, portando a uno spettro di massa.
  • Per i rivelatori a tempo di volo, lo spettro di massa è costruito dalla misurazione di un tempo di volo affinché uno ione raggiunga il rivelatore. Pertanto lo spettro di massa viene convertito da un segnale dipendente dal tempo in uno spettro.
  • Infine ci sono stati alcuni tentativi di accoppiare una sorgente ionica ICP con uno spettrometro di massa a trasformata di Fourier. Per quanto ne so, questi non sono strumenti commerciali. In tali strumenti, gli ioni oscillano a frequenze m / z dipendenti e la corrente dell'immagine registrata viene convertita in uno spettro mediante l'uso della trasformata di Fourier.


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...